fantasy, Letterari

Un giorno prima del tempo.

Un giorno prima del tempo il signore dio, che si sentiva molto solo nell’eternità, si mise a cercare elementi adatti nella sua stanza degli hobby e poi pensò di amalgamarli, servendosi della matematica, che da poco aveva concepito. Si trattava di mettere insieme un algoritmo adatto a far sì che accadesse qualcosa, non qualcosa da niente, qualcosa di valore non b anale.Lanciato l’algoritmo con un semplice pensiero – pensiero di dio – si rese conto che la struttura scaturita era qualcosa di completamente nuovo rispetto al suo luogo mentale e forse fisico (non sapendolo noi: trattandosi di dio non abbiamo gli elementi). Quella novità assoluta in un certo senso gli era sfuggita di mano o l’algoritmo era troppo ben perfezionato già nel suo pensiero, pensiero di dio. La nuovissima struttura era complessa e semplice: conteneva lo spazio e insieme il tempo, o per meglio dire sembrò subito a dio che fossero tutt’uno. Avrebbe potuto giocarci all’infinito, nel vero senso; avrebbe potuto tentare di mutare l’energia in sostanza e altrettanto infinite erano le possibilità, trattandosi delle possibilità di dio. Cosa straordinaria, quella novità era tutt’uno con lui. Bastava (e bastò) che lo pensasse e tutto si manifestò, come sulla tela della sua stanza da hobby, piena di colori, si manifestava la sua creatività.

Germana Pisa 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *