Biografici e autobiografici, Uncategorized

Una bozza di pensiero.

Forse l’autobiografia, o comunque la scrittura con qualche aspetto introspettivo una utilità la ha: che tu lo voglia o no, e sottolineo questo, ad un certo punto incontri uno specchio, o più specchi dove trovi un te che chiede di essere ricordato, in quel tempo, in quel contesto, in quel momento. Questo è uno dei momenti cruciali e che danno un senso alla operazione introspettiva, che ha agito lo voglio ripetere anche se non era tua intenzione perseguire quello scopo di conoscenza o meglio di rivissuto. L’apparizione allo specchio non è mai neutra; e tu dici alla immagine di te che riconosci quel momento, quello stato d’animo, quella azione, che la riconosci come tua e che potrebbe appartenerti anche adesso; oppure la ripudi e te ne vergogni e ti stupisci che quel vissuto ti sia appartenuto. E’ stato lo specchio che ti ha svegliato, adesso decidi se posare la matita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *