Letterari

Al di là della porta.

Ognuno di noi ha una porta che non ha varcato, al di là della quale esiste un universo parallelo che ci turba. Forse questo universo di possibilità costituisce la sostanza dei nostri sogni notturni, così come può essere la radiazione di fondo che interferisce con la veglia, disturbandola. Al di là della porta quella vita non vissuta esiste di per sé che, se noi volessimo raggiungerla ci assorbirebbe. Forse i sogni notturni nella loro indeterminatezza offrono una immagine velata del nostro possibile e forse è meglio così, dal momento che credo non potremmo sopportare l’abbacinante bellezza di quanto abbiamo perduto, ignorandolo. dalla rivista Qui appunti dal presente http://www.quiappuntidalpresente.it/

(primi anni 2000) Il dipinto è di Graziella Zanarotti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *