Eco e ambiente, Interviste

Cambia il clima, la natura risponde.

Alina, una cara amica che con George risiede in alcuni periodi dell’anno nella dimora di famiglia situata – all’interno di una vasta area di parco e orto – nell’entroterra di un lago lombardo, ha risposto gentilmente per prima e subito alla mia domanda che avevo posto, a lei e George come ad altri amici, per sapere se sia vero che nella vegetazione, nella flora, nelle varie specie di piante e verdure si comincino a notare gli effetti del cambiamento climatico, specificamente pensando al rialzo della temperatura media globale. Ge: “Mi diceste, Alina, alcuni anni fa, se ben ricordo che alcune piante e fiori che hanno ornato per decenni il vostro parco non crescono più; forse mi diceste che sono state sostituite da altre. Ricordo bene? A distanza di tempo da allora, come va? Mi interessa molto sapere dalla tua voce e dalla esperienza vostra cosa sta cambiando intorno a noi nella natura…” Alina: “Da noi il grosso cambiamento è dovuto al fatto che una volta questo giardino veniva seguito e curato quasi quotidianamente da maggio a novembre. Adesso non riusciamo più, solo qualcosa in luglio e agosto, perciò l’orto non esiste proprio più, e neppure i fiori, tranne qualcuno molto resistente, anche perché prima venivano bagnati regolarmente da noi, si strappavano erbacce, eccetera, e adesso più. Con questo non voglio dire che non esista il cambiamento climatico, anzi. Un tempo  riuscivamo ad avere azalee e rododendri, piante che richiedono terreno acido anche se questo terreno non è acido, e da almeno una ventina d’anni non crescono più appunto perché piove meno e soprattutto non più regolarmente. E poi forse il fatto che si nota di più è la frutta che matura con notevole anticipo rispetto a un tempo: ciliege, fichi, cachi. Però sono convinta che anche adesso, se riuscissimo a dedicare al giardino forze e tempo come una volta, qualche risultato in più l’avremmo. Il vero cambiamento è che da un po’ gli inverni sono meno freddi. Prima dovevamo riparare alcune piante perché non gelassero in inverno. Adesso più.” Grazie ad Alina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *