Biografici e autobiografici, Letterari

Il tempo che ci è dato.

Il tempo, l’orizzonte e gli strumenti sono quelli, non è dato uscirne; a meno che non si abbia la ventura di vivere un viaggio nel futuro come ci insegna Tenet. e avere anche la possibilità di tornare nel presente, cambiando le carte in tavola delle possibilità originarie. A volte capita di domandarsi se abbia un significato il fatto che noi si viva in questi attimi e non in altri e accanto alle persone e alle cose date; https://www.germanapisa.it/2020/07/08/noi-contemporanei/ più spesso ci lasciamo vivere senza riflettere a qualcosa che assomigli a questi pensieri. In un certo senso il fatto che ci troviamo in un luogo e in un tempo dati può indurci a chiamare questo destino. Noi possiamo forzare la mano a questo destino, in vari modi,  bruschi o delicatI, ma non usciremo dal fatto che ci siamo trovati a vivere in un contesto preciso, personale e collettivo. Possiamo comunque cercare di forzare la mano anche alla vicenda del destino collettivo e avvicinarsi così alla comprensione del perchè siamo qui, che io penso sia per perseguire un fine non solo personale, ma collettivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *